Presentation Pages

Benvenuti!

Una parola di presentazione su questo blog

|

Attenzione!

Nota per gli studenti d'ogni ordine e grado

domenica 22 luglio 2012

Il Volto di Parthenope

Parthenope non è la più nota delle Sirene.
Il mito che riguarda le Sirene dà loro nomi assai diversi a seconda dell'autore: lo Pseudo-Apollodoro cita Peisinoe, Aglaope e Thelxiepeia, altri nominano Terpsichore, Melpomene e Sterope o Chthon, Omero non dà alcun nome. Il loro stesso numero varia da due a cinque. Il mito che le vuole coi nomi di Leucosia, Ligeia e Parthenope (“virginale”) è dunque solo uno dei tanti ma, guarda caso, è proprio quello che ci interessa di più.
Nel romanzo sarà Parthenope stessa a raccontare la sua storia. Vale la pena però ricordare che, con le sorelle, essa venne mutata in donna-uccello (e non donna-pesce come vorrebbero le più tarde tradizioni medievali) dall'ira di Demetra, giacché era stata incapace di proteggere la figlia Persephone dalle voglie di Ade. Che poi Ade si comportò anche da gentiluomo: amava davvero Persephone, tant'è vero che la sposò e fece in modo che ella non potesse stare lontano da lui. Ad ogni autunno la fanciulla deve tornare dal marito, mentre la primavera e l'estate li trascorreva con la madre a curare le messi.
Ciò detto, la tentazione di parlare qui delle valenze ctonie del mito è molto forte, ma non è assolutamente questa la sede. Se lo desiderate, sarò felice di scrivere un post a parte, ora dobbiamo tornare alla nostra Parthenope.
Dunque una donna uccello, dicevamo. Ce ne sono rimaste raffigurazioni?
Furtwaengler1924009
Quella riportata è la riproduzione di una ceramica attica datata intorno al 470-480 a.C., ritrovata a Vulci e conservata presso il British Museum raffigurante proprio l'episodio di Ulisse che viene tentato dalle Sirene. Ad essere sinceri, così non sembrano molto tentatrici…
Un'immagine più plastica la troviamo presso il Museo Archeologico Nazionale di Atene.
Statua funeraria di sirena
È la statua funeraria trovata presso la Necropoli delle Ceramiche ad Athene. Essa era stata posta accanto alla stele del guerriero ateniese Dexileo, caduto nel 394-393 a.C., e raffigura la sirena nell'atto di lamentare il defunto, accompagnandosi con una lira ricavata da un guscio di tartaruga. Il piumaggio ed altre parti dovevano essere variopinte.
Abbiamo altre immagini e, soprattutto, immagini della nostra Parthenope? Insieme alle ceramiche, un portentoso strumento d'indagine a disposizione degli storici è la monetazione e, all'epoca dei fatti narrati, Neapolis era la zecca di riferimento nel raggio di oltre 200 km. Ma non voglio aggiungere ulteriori dettagli che potrete trovare nel romanzo.
Dunque, indovinate un po' cosa si trova raffigurata sulle monete di Neapolis dell'epoca: molto spesso, il volto di Parthenope. L'esempio più bello che ho trovato è quello che ho usato per il titolo del blog, ma è interessante vedere se vi siano state variazioni col tempo.
Didramma neapolitano
Questo raffigurato è il tipico didramma (due dracme) in uso a Neapolis tra il 340 ed il 241 a.C. Anche in questo caso, evito di analizzare tutti gli altri elementi, va però osservato il volto di Parthenope sulla “testa”, ben pienotto (ogni epoca ha i suoi canoni di bellezza), la ricca acconciatura tenuta ferma da un diadema che indica l'importanza sacerdotale del personaggio raffigurato ed i vistosi gioielli.
Didramma neapolitano
Dello stesso periodo è quest'altro didramma che riprende lo stesso motivo dell'anteriore. È però interessante osservare che la modella usata per dare il volto a Parthenope è diversa, meno piena in volto, e col naso più tipicamente greco.
Nomos neapolitano
Altrettanto greco è il volto effigiato su questo nomos d'argento datato intorno al 300 a.C. Il dettaglio raggiunto in questa moneta è davvero squisito, e sullo sfondo della testa di Perthenope si notano delfini, che indicano il predominio assunto dalla polis sul mare.
Statere Neapolitano
E veniamo infine alla moneta che ho usato per la testata del blog. È uno statere datato tra il 300 ed il 275 a.C. Dietro la sua testa, quello che sembra un piccolo scarabocchio viene indicato come una statuetta di Artemide (dalle lettere ΑΡΤΕ poste sotto il collo di Parthenope), riconoscibile anche dalla posa plastica, dal fatto di reggere arco e frecce, e dall'abito (eh sì, Artemide era un po' un maschiaccio).
Cosa ci dicono questi elementi? Innanzi tutto, la fascia nei capelli è, come dicevamo, un segno di distinzione sacerdotale, ed infatti sappiamo dalle testimonianze storiche che Parthenope era il nume tutelare della polis. Anzi, con la sua raffigurazione sulle monete, essa è la polis stessa!
Poi ci sono i gioielli, che indicano ricchezza, e quindi possiamo quanto meno affermare che vi fosse una forma di orgoglio cittadino legato al benessere, ed anche il volto giovanile, spesso pieno, indica prosperità e agiatezza.
I tratti somatici, con quel naso tipicamente senza ponte, indicano un'affezione ai canoni greci considerevole. Per decidere se però tale affezione sia indice di un'autentica e consistente presenza greca sul territorio o non invece affettata imitazione di canoni importati, seguirò un semplice ragionamento: in virtù della loro universalità, possiamo immaginare che i canoni tendano ad essere immutabili, il concetto di bello cambia dunque assai lentamente in una società che non sperimenta cambi e, quando li sperimenta, li segue. I grandi cambi vissuto nella Neapolis tra il IV ed il III sec. a.C. sono stati l'ingresso dei Sanniti nella struttura cittadina e, dopo il 326 a.C., l'alleanza con Roma. Tra i due, il primo permise l'ingresso di nuovi tratti somatici nella cittadinanza, che pure non si notano sulle monete, nonostante si osservino diversi visi sulle stesse monete all'interno di un ben definito arco temporale. Possiamo con questo chiaramente concludere che non solo il canone era seguito, ma che esso impiegava per la sua espressione l'osservazione continua di tratti greci fortemente presenti nella città.
Se il post, nonostante la lunghezza, è stato di vostro interesse, e desiderate trascorrere una piacevole giornata in compagnia di altri reperti dell'epoca, qualora non lo abbiate ancora fatto, posso consigliarvi una visita presso il prestigioso Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Sono certo che la visita sarà di quelle esperienze da lasciare un notevole ricordo!

4 commenti:

  1. Patrizia Benetti25/03/13, 12:41

    Parthenope. Grazie per questa interessante ricerca. Non sapevo che fosse una sirena.
    La Proserpina latina,figlia di Cerere, corrisponde in qualche maniera a Parthenope?
    Le due storie sono molto simili.

    RispondiElimina
  2. No, in http://sirenaparthenope.blogspot.nl/2012/12/demetra-dea-madre.html trovi la leggenda di Demetra (la Cerere latina) come l'ho recepita io.
    Qui, invece (http://sirenaparthenope.blogspot.nl/2013/02/la-leggenda-di-parthenope.html), ho scritto di Parthenope.
    Le due leggende sono unite dal fatto che Parthenope, da buona sirena, era una compagna di Persephone (Proserpina latina), ma quando Ade rapì quest'ultima, le sirene non riuscirono a impedire il misfatto.
    Demetra era talmente furiosa che trasformò le ancelle inette in esseri metà donne e metà uccelli, affinché potessero aiutarla nella ricerca della figlia.

    RispondiElimina
  3. Grazie mille per le belle spiegazioni molto utili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille a te per aver visitato il blog!

      Elimina

I Più Letti del Mese